fbpx

© 2022 Buka

Home
23 July 2022

Fuoriorario Diurno

Catu Diosis (Nyege Nyege), Marco Foresta (Ivreatronic), Giouann + Karl-78 (Tropic Disco Sound System)

Situazione: Fuoriorario Diurno


BUKA
℅ Lago dei Cigni / Cascina Guascona
via Guascona 60 – Milano


15:00 – GIOUANN
17:30 – MARCO FORESTA
22:00 – CATU DIOSIS
23:30KARL-78
00:00 – end


Ingresso:
solo con tessera Assolaghi 2022

Prevendite chiuse

Biglietti alla porta: 15 €

Drink incluso con ingresso entro le 16:30
Tesseramento in loco Assolaghi : 10 € valido tutto il 2022

Ingresso entro le 20:30


Per raggiungere il laghetto è consigliato l’uso di bici e motorini.
Se devi venire in macchina, organizzati e condividi i posti

Parcheggio:
esterno gratuito fino ad esaurimento
interno del Circolo 3 €

Con i mezzi:
Bus 63 fermata capolinea Muggiano + 15 min a piedi


Anno: 2022

Ultimo ritrovo open air prima della pausa estiva.
Festa all’aria aperta e di giorno con vaporizzatori annessi per tenerci idratati e al fresco.

Torniamo all’Oasi Lago dei Cigni per i saluti, i baci e gli abbracci di fine stagione.

Apre Giouann sul Tropic Disco Soundsystem, poi Marco Foresta sciamano di Ivreatronic, Catu Diosis dall’Uganda importa i suoni di Nyege Nyege e in chiusura la frenesia afro di Karl-78 e le sue sperimentazioni a 78 giri.

Al laghetto trovi da mangiare tutto il giorno;  piatti vegetariani-e-non di Oscar ,  Gelatuzzi™ artigianali e i massaggi di Barbara.


Ai controlli del soundsystem:

Catu Diosis (Nyege Nyege – UGA) dj set

La traiettoria di Catu parte dalla fucina di talenti Nyege Nyege in Uganda e conquista in fretta l’europa.

Oltre a essere parte attiva del festival/etichetta di Kampala è anche produttrice, dj, attivista e cofondatrice di Dope Gal Africa un’ organizzazione per la valorizzazione e supporto dei talenti femminili africani.

I suoi set sono un mix afrocentrico di energia per scuotere le anche.
Un suono globale che collega in un attimo Nairobi a Durban, Santa Lucia a Luanda, Kampala e San paolo.

Qui si uniscono Kuduro, Gqom, Afro-house e tutto quello spettro di musica a basse frequenze che si muove senza guardare frontiere e BPM.

Catu porta porta in musica il significato più intrinseco di “Nyege Nyege”, che tradotto dalla lingua Lugandese, uno dei tanti linguaggi Bantu dell’africa del sud e centrale, è “quell’improvvisa e irrefrenabile urgenza di ballare”.


Marco Foresta (Ivreatronic – ITA) dj set

Sciamano e una delle colonne portanti di Ivreatronic.
A Ivrea definiscono il suono come “Un misto di techno, ritmi lenti, afro e balearici, compionamenti in italiano e autoironia”.

Mago della consolle, compagno di set lunghi a 4 mani con Hugo Sanchez,  la sua cultura del mixing è accompagnata di pari passo dalla varietà delle sue produzioni musicali.

Marco Foresta – Paesaggi _ Nuova Sauna Possibile 2021

 

Spazia dai territori ambient con collage sonori di “Paesaggi” nel nuovo progetto editoriale sperimentale di Ivreatronic Nuova Sauna Possibile,


allo slow tempo tribale ed esoterico del progetto Fabio Fabio
, fino ai ritmi più sostenuti della seconda uscita di Ivretronic (IVR002), un suo vinile che esce accompagnato da due video d’autore con Alma Negrot, Drag Queer brasiliana “che spinge le sue performance fisiche oltre l’identità di genere e le pressioni sociali”.

Marco ci accompagna nella danza 4 ore con quella capacità di fare sbocciare e far crescere la pista da ballo dal nulla.


Tropic Disco Sound System

15 kw di Soundsystem autocostruito e valigie colme di rarità afro/tropicali.

Questa volta ai controlli tecnici e musicali Giouann e Karl-78 aka Professors Sens che aprono e chiudono le danze.

 

Giouann ci accoglie con una selezione che parte dal roots reggae, alla dub fino agli stepper digitali.

Carlo in chiusura porta finalmente alla luce e in pista il suo ultimo progetto di ricerca: Un ibrido tra live e dj set ispirato dalla semplice equazione : more speed , more fun.

In controtendenza con il fenomeno del rallentare i dischi, tipicamente i 45 suonati a 33 giri qui si accelerano fino a 78 su vecchi giradischi recuperati.

 


Succede allora che
la borsa di ritmi Africani, Creoli, Caraibici, Antillani, Orientali e Latin, velocizzati e con l’aiuto di un un synth analogico di batteria collegato alla sorgente, diventi una miniera che produce nuove ritmiche frenetiche simili al footwork, al juke, alla dnb e al breakbeat.

Ultimi dischi della stagione rigorosamente da testare di fronte agli scoop del Tropic disco.