fbpx

© 2020 Buka

Home
16 Novembre 2018

Mondo – Khidja

BUKA ℅ El Tekkìa Egyptian Club

Situazione: Mondo

BUKA
℅ Club Egiziano El Tekkìa
Via Fantoli 28/15 – Milano


23:00 – TAHA + ILGAMIL live
00:00 – KHIDJA
04:00 – TAGLIABUE
06:00 – end

Fb | Ra | Zero


Ingresso:
12€ ridotto / members
15€ intero

No Pos / No Credit Card


Anno: 2018

Club ibrido.

Situazione Mondo nel club egiziano El Tekkìa الـتـكـيــــة.

Continua la residenza dell’etichetta Malka Tuti di Tel Aviv che ancora una volta importa e incrocia i suoni con quelli del Club Egiziano di Via Fantoli.

Dopo Asaf Samuel, Katzele e i Tapan da Belgrado, arriva il duo Khidja, da Bucarest.

Riaprono le danze in questo spazio intimo tra drappi, narghilé e finto cielo stellato.

Con i Khidja si mescolano il dj set arab-cosmic di Joseph Tagliabue, in apertura  i live folk egiziani del Tekkia Ensamble di Abo Taha con il cantante Ibrahim Il Gamil.

Nella periferia di Milano Sud, ma in un altro Mondo.


KHIDJA (ISR) dj set

I rumeni come i serbi, sembrano intendersela al meglio, con gli israeliani, sulla nuova elettronica da ballo. Forse per le comuni influenze mediorientali, che per i Khidja arrivano sia dalla musica tradizionale lutaresca e gipsy, sia dalla “turkish proggy disco” che da Istanbul invase i club della Romania una decina di anni fa.

La commistione di queste radici con electro teutonica, distorsioni krautrock e ritmi lenti, insieme alla convinzione “che il mondo abbia bisogno di più musica strana”, hanno fatto di  Khidja un prototipo del suono Malka Tuti, dandone l’impronta fin dalle primissime edizioni.

Col passare del tempo hanno cominciato a calcare più la mano con l’elettronica, su ritmiche più marcate, più veloci, più ossessive, conservando la radice originale in una serie di stratificazioni trascinanti.

Oggi il loro suono è diventato più compatto e definito, sia nei dj set, sia nelle produzioni, che hanno raggiunto questa forma compiuta, originale, progressiva e irrefrenabile, come negli 8 minuti del  singolo appena uscito The Plot.

Era ora di chiamarli ad incendiare la Buka.